Piccole chiese a Rovigno

Chiesetta di San Tommaso Apostolo


Meraviglioso esempio architettonico medievale, è menzionata per la prima volta in documenti del 14. secolo. Nel 1723 fu ampliata mediante la copertura dello spazio esterno, le cui pareti furono affrescate con scene raffiguranti la Crocifissione. Eretta nel 1388, presenta spunti architettonici molto interessanti: l’ingresso della chiesa si trova in posizione rialzata ed è raggiungibile mediante una scala; la stessa chiesa, poi, è in parte costruita su un precedente arco ed ha un campaniletto a vela. Appartiene alla confraternita di San Francesco.

 

Chiesetta della Madonna della Salute


La chiesetta della Madonna della Salute, eretta nel 1779, sorge in fondo alla via Švalba, sul suo lato sinistro. Tra i suoi bei quadri, spicca la pala dell’altare, copia della famosa pala della Madonna della Salute di Venezia.

 

Chiesa di San Benedetto

 

Risalente al 14. secolo, si trova in Piazza “Pod lukovima” (Sotto gli archi),; adiacente ad essa, s’erge la Porta di San Benedetto (ora Porta sulla riva) con un tratto delle mura medievali (XII secolo).

 

Chiesetta della Santissima Trinità


È l’edificio sacro in stile romanico meglio conservato e più importante della città. Sorge in Piazza sul Laco, a due passi dalla stazione degli autobus. Di pianta eptagonale, al suo interno presenta uno spazio circolare con sette nicchie ed una cupola. Vanta tutte le caratteristiche architettoniche di passaggio dal romanico al gotico. I giochi della luce che penetra da tre finestre conferiscono a quest’edificio da una composizione monumentale. Vero e proprio gioiello dell’arte locale, vanta una transenna alto-romanica splendidamente conservata dipinta con scene del “Golgota” ed i volti della Madonna, della Maddalena, di san Pietro, di san Giovanni Battista e di san Giovanni Evangelista. Sconsacrata da tempo, ma in ottimo stato di conservazione, oggi funge da incantevole spazio espositivo.

 

Chiesa della Madonna delle Grazie


Si trova in via Carducci, non si sa l’esatta data di costruzione. Quel che è certo è che fu consacrata nel 1487. Nel 1750, come risulta da iscrizioni affisse sulla porta e sulle finestre della facciata, la chiesa fu nuovamente restaurata (fu rifatto il soffitto), senza dimenticare che, ancora prima, s’intervenne per ampliare lo spazio sul retro dell’altare.

 

Chiesa di Santa Croce

La chiesa fu eretta nel 1592 in pietra viva, con un campanile a vela sulla facciata ed una loggia. Offre una splendida vista sull’isola di Santa Caterina. Ai piedi della chiesa si trova una colonna eretta nel 1720 in ricordo del luogo in cui, secondo la tradizione popolare, nel 800 sarebbe approdata l’arca con le spoglie di sant’Eufemia.

 

Chiesa di San Bartolo


Si trova ai margini di un campo ai piedi del golfo di Valalta. Si tratta dei resti di una chiesa romanica priva di facciata e tetto.

 

Chiesa di San Cristoforo

Si trova ad un chilometro ad est di Valalta, ai margini di un campo fertile chiamato Basilica. Edificio con pianta a parallelogramma, ha un’abside aggettante semicircolare un po’ più stretta della navata centrale. All’esterno, addossate alle pareti, sono visibili delle lesene appena sporgenti, unite nella parte superiore da archi. Le pareti si presentano rustiche ed intonacate all’interno ed all’esterno. Il tetto della chiesetta consta d’una struttura lignea coperta da tegole, mentre il tetto dell’abside è coperto da lastre di pietra. Da un punto di vista architettonico, possiamo considerarla di stile romanico.

 

Chiesa di San Tommaso


Si trova a 4 km a nord della città di Rovigno, a due passi dai binari della vecchia ferrovia Rovigno-Canfanaro. Edificio con pianta a croce, ha un campaniletto sul lato settentrionale aggiunto successivamente. Nel 16. secolo fu interessata da un intervento di ricostruzione talmente radicale che ne mutò l’aspetto originale. Murate le navate laterali, la chiesa rimase ad una sola navata. L’ala occidentale fu notevolmente ridotta ed alla facciata, completamente rifatta, furono aggiunte due finestre rettangolari. Nel corso degli ultimi lavori di scavo, nella chiesa sono state rinvenute decine di frammenti d’elementi plastici e parti dell’arredo ecclesiastico preromanico. In base alle attuali conoscenze, è possibile affermare che essa fu costruita a cavallo dei secoli 8. e 9. La chiesa di San Tommaso è un bell’esempio d’architettura sacra risalente al periodo carolingio istriano.

 

Chiesa di San Damiano


Questa chiesetta si trova a metà strada tra la zona palustre Palud e il promontorio di San Damiano. Grandemente devastata, oggi si presenta come un rudere con pianta a parallelogramma senza tetto né facciata. In base alle sue caratteristiche stilistiche, possiamo collocarne l’origine tra i secoli XI e XII, e considerarla, quindi, espressione dell’arte romanica.